Skip to content

Libera Università di Bolzano

Comunicati stampa

Giovani ricercatrici e ricercatori alle prese con le sfide della transizione ecologica in agricoltura

Al via a Bolzano la conferenza "AISSA #under40": 200 giovani ricercatrici e ricercatori di diverse discipline si confrontano con uno sguardo multidisciplinare sulle sfide attuali dell’agricoltura e della silvicoltura.

Dopo Padova e Sassari arriva a Bolzano: per la terza volta, l'Associazione Italiana Società Scientifiche Agrarie organizza il convegno AISSA #under40, un luogo di incontro per studiose e studiosi non ancora 40enni, che si occupano di ricerca in agricoltura e silvicoltura e appartenenti a diversi ambiti disciplinari, dall'economia alla zootecnia, dalla patologia all'entomologia, dalla scienza degli alimenti alla tecnologia agro-alimentare. Il 14 e 15 luglio, circa 200 partecipanti si confrontano sulle risposte scientifiche alle sfide epocali che l'agricoltura e la silvicoltura si trovano attualmente ad affrontare. Lavorano in tre gruppi di sessioni parallele, con interventi di esperte/i e in turni di discussione. Tra i temi: gli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica, l'uso più efficiente e ridotto di prodotti fitosanitari, fertilizzanti e antibiotici, fino all'espansione dell'agricoltura biologica.

In particolare, i temi centrali della Conferenza di Bolzano sono il cosiddetto “sequestro di carbonio” in agricoltura, le tecnologie di smart agriculture o climate smart forestry, la microbiologia applicata al benessere animale e la gestione sostenibile dei suoli e delle risorse idriche. "Ma uno degli obiettivi più importanti di questa conferenza rimane quella di riunire giovani ricercatrici e ricercatori di diversi settori disciplinari per promuovere la loro iterazione. Dopo tutto, sono loro ad essere chiamate/i a dare risposte scientifiche alle questioni aperte in agricoltura e silvicoltura- questioni grandi e complesse – e, per farlo con efficacia, la collaborazione multidisciplinare è una dimensione irrinunciabile", spiega Damiano Zanotelli, ricercatore della Facoltà di Scienze e Tecnologie e organizzatore della conferenza. “Questo rende ancora più importante per noi - come Facoltà di Scienze e Tecnologie - ospitare l'edizione di quest'anno di AISSA #under40 e ampliare così la nostra rete di collaborazione a livello nazionale."

La parte scientifica della conferenza sarà corredata nel pomeriggio di venerdì 15 da relazioni di esperti/e sulla ricerca in Europa, sull’importanza della comunicazione scientifica e da una tavola rotonda sulle sfide e sulle opportunità della transizione ecologica in un’ottica interdisciplinare. L’iniziativa si conclude sabato 16 luglio con un articolato programma di escursioni locali: per la frutticoltura e la viticoltura, il programma prevede la visita della Cantina di Merano e del Reaslerhof di Plaus; per la silvicoltura, la Scuola forestale Latemar con il suo programma di rimboschimento dopo la tempesta di Vaia; per l'allevamento, il Tantscherhof e l'allevamento biologico di capre David's Goashof di Laion, nonché l'azienda agricola di Barbiano Aspinger Raritäten, dove vengono coltivate oltre 800 rarità di frutta e verdura dimenticate.

ap/14.07.2022